APe sociale e pensione precoci: il Ministero del Lavoro allarga le maglie

APe sociale e pensione precoci: il Ministero del Lavoro allarga le maglie email stampa

215
0
SHARE
novità su anticipo pensionistico

Il 15 ottobre è arrivato, l’INPS ha esaminato le oltre 66 mila domande di indennità APe Sociale e di pensione anticipata per i precoci inviate a luglio.

Le domande respinte, soprattutto per i disoccupati e gli addetti a lavori gravosi, sono molte: tra il 40 e il 50%.

Il Ministero del Lavoro il 13 ottobre scorso ha inviato una nota all’INPS con la quale fornisce alcune indicazioni interpretative di maggior respiro rispetto a quelle utilizzate ed ha invitato l’INPS a riesaminare le domande in autotutela e ad accogliere, secondo le nuove linee, le domande di riesame.

Intanto i cittadini hanno ricevuto le comunicazioni dell’INPS e chi si è visto respingere la domanda ha 30 giorni di tempo per chiedere il riesame all’INPS.

È opportuno verificare ogni situazione, se la domanda risulta respinta, alla luce delle nuove indicazioni del Ministero soprattutto per le categorie dei disoccupati e degli addetti ai lavori gravosi.

Per la categoria disoccupati l’INPS è stato rigorosissimo: anche lo svolgimento di attività lavorativa occasionale ed accessoria ha determinato la non accettazione ed ora il Ministero ha fornito linee interpretative più ampie.

Il Ministero ha poi previsto una maggior collaborazione tra INPS ed INAIL per quanto riguarda l’accertamento delle attività gravose.

Non resta che mettersi al lavoro: valutare la situazione, esaminare il provvedimento ricevuto per stabilirne la fondatezza e decidere se si deve procedere con:

  • un riesame entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione
  • una domanda entro il 30 novembre prossimo
  • attendere il 2018 (se i requisiti si maturano nel 2018)

E chi ha ricevuto la certificazione dei requisiti?

Chi invece ha ricevuto la certificazione dei requisiti è chiamato ad inoltrare la domanda di indennità e/o di pensione vera e propria, se non lo ha già fatto.

Visti i numeri delle certificazioni ad oggi rilasciate non sembrano esserci problemi legati all’esaurimento dei Fondi ed alla posizione in graduatoria.

I problemi possono essere i tempi di elaborazione pratiche.

Gli uffici del Patronato Acli 

Per verificare la pratica, capire il motivo della decisione dell’INPS e individuare la strada da seguire i nosri Operatori sono sempre disponibili. Qui puoi trovare la sede per te più vicina da raggiungere.

Tutte le novità in tema di pensioni e previdenza