A Cinisello Balsamo un incontro sul disarmo nucleare e sulla Pace

A Cinisello Balsamo un incontro sul disarmo nucleare e sulla Pace email stampa

133
0
SHARE

“L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”. ( Art.11 Costituzione )

L’art.11 della nostra Costituzione richiama e unisce tutti (istituzioni e cittadini) nel dovere e nell’ impegno costituzionale di rispetto per meglio declinarlo nelle nostre attività concrete.

L’incontro pubblico del 13 settembre 2023, alla Villa Casati Stampa, a Cinisello Balsamo, vuole essere un momento di riflessione e approfondimento allargato a tutti (cittadini, associazioni, istituzioni…) sul “Disarmo nucleare”. Per conoscere meglio l’argomento e poi agire insieme con determinazione verso sentieri di Pace per manifestare il nostro amore per l’Umanità.

A Cinisello Balsamo in più occasioni sono state promosse iniziative per informare sugli orrori delle numerosissime guerre, sulle loro cause e conseguenze (No agli F35, manifestazioni per la riconversione di fabbriche di armi, progetti in Palestina, interventi di solidarietà nella ex Jugoslavia, manifestazioni contro l’invasione dell’Irak, dell’Afghanistan, presidi per la pace).

Nell’ultimo anno molte associazioni cittadine hanno promosso alcuni incontri (l’Associazione Culturale Cara Beltà sulla “Pacem in Terris” e la rete di Umanità Migrante su “Il mondo in guerra”), per conoscere e riflettere sulle possibilità della Pace. Attraverso l’associazione “Amici del dottor Mukwege” l’amministrazione comunale ha inoltre conferito la cittadinanza onoraria al medico congolese dottor Denis Mukwege, premio Nobel per la Pace 2018.

La Rete Italiana Pace e Disarmo affronta questi temi e indica impegni e proposte operative su cui lavorare quali, ad esempio, il sostegno alla difesa civile non armata e non violenta; la costruzione di corpi civili di Pace, la ricerca sulla Pace e la prevenzione dei conflitti; la riduzione della spesa militare, l’impegno per la riconversione dell’industria delle armi verso il settore del civile.

 

Nel Disarmo e in particolare nel Disarmo nucleare è stata individuata la condizione necessaria per dare più spazio alla Pace che spalanca le porte verso l’amore per l’umanità.

 

Nella campagna “Italia Ripensaci” sono indicate azioni urgenti da affrontare insieme alle istituzioni. Per questo sono state presentate ai nuovi consiglieri comunali una lettera firmata da diverse associazioni e una bozza di delibera proposta da “Rete Italiana Pace e Disarmo” e da “Senza atomica” per aderire alla campagna “Italia Ripensaci” con la quale si chiede al governo italiano la ratifica del Trattato ONU per un mondo libero dalle armi nucleari.

 «Siamo convinti  – spiegano i promotori dell’iniziativa – che i consiglieri, come rappresentanti più vicini della nostra città, siano chiamati ad ascoltare la voce dei propri cittadini sul tema della Pace e a svolgere azioni concrete in particolare nei confronti dei soggetti istituzionali superiori. Così la città (e le città) possono e devono diventare “protagoniste della costruzione della Pace”. Questo passaggio è veramente essenziale sia per le istituzioni sia per noi che insieme possiamo essere “costruttori di città” che fondano le proprie relazioni sulla desideratissima Pace».

All’iniziativa aderiscono:
Acli Cinisello Balsamo, Anpi Cinisello Balsamo, Associazione Anteas,  Associazione Amici dott.Mukwege, Associazione Amici di Luca Attanasio, Associazione Gusto della Solidarietà, Associazione Coordinamento Pace, Associazione Culturale Polis Nord Milano, Centro Culturale San Paolo ODV, Emergency gruppo Cinisello-Cusano, Equipe sociale e del lavoro del decanato di Cinisello Balsamo, Fondazione Cumse, Legambiente Cinisello Balsamo APS, L’Officina di Enrico, Coordinamento “La Pace in Comune