Abbiategrasso al futuro: la cittadinanza attiva incontra i candidati Sindaci

Abbiategrasso al futuro: la cittadinanza attiva incontra i candidati Sindaci email stampa

227
0
SHARE

Il 12 giugno i cittadini di Abbiategrasso saranno chiamati alle urne per scegliere il Sindaco e il Consiglio Comunale, che amministreranno la città per i prossimi 5 anni. L’incontro “Abbiategrasso al futuro: la cittadinanza attiva incontra i candidati Sindaci”, promosso dal Circolo ACLI in collaborazione con il gruppo “Attivati”, che si terrà lunedì 30 maggio alle ore 20.45 presso il Centro Mater Dei in Via Piatti 12 ad Abbiategrasso, sarà l’occasione per comprendere meglio come i candidati che si sfidano per il Governo della città, intendono promuovere, se eletti, lavoro, cittadinanza attività, cultura, protagonismo dei giovani, transizione ecologica e welfare locale.

«Molto spesso il momento del voto è vissuto dai cittadini come un atto scontato e poco utile, Pensiamo invece che sia necessario dialogare con i candidati sindaci, per capire e scegliere con consapevolezza il futuro amministrativo del proprio» spiegano i promotori dell’incontro”.

“Abbiamo chiesto – proseguono, illustrando l’evento – a Danielle Madam, giovane atleta e nota conduttrice televisiva RAI, di condurre l’incontro. Danielle è stata protagonista negli ultimi anni nella lotta per l’affermazione del diritto di cittadinanza, rappresentando innanzitutto la volontà di riscatto e affermazione di una generazione di giovani italiani che chiedono alla politica impegni concreti per affrontare un futuro che certamente sarà diverso da quanto abbiamo vissuto fino ad oggi.”

All’incontro hanno assicurato la loro presenza i tre candidati per Abbiategrasso: Cesare Nai, Alberto Fossati e Luigi Tarantola.

«Ci auguriamo – spiegano ancora gli organizzatori dell’iniziativa – che questo incontro consenta di portare temi e prospettive differenti nella campagna elettorale e nell’agenda politica cittadina, temi spesso sottovalutati ma che sono fondamentali per avvicinare le giovani generazioni ed il privato sociale alla politica e al Bene Comune»