Assegno di inclusione al via dal 1° gennaio 2024

Assegno di inclusione al via dal 1° gennaio 2024 email stampa

469
0
SHARE

La domanda di ADI deve essere presentata all’INPS con modalità telematiche.
Il decreto indica i requisiti d’accesso alla prestazione.

REQUISITI DI CITTADINANZA
Il componente del nucleo che richiede la misura deve essere:
cittadino dell’UE o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
titolare dello status di protezione internazionale.

Al momento della presentazione della domanda, deve sussistere la residenza in Italia per almeno cinque anni, di cui gli ultimi due anni in modo continuativo, anche per i componenti del nucleo familiare che rientrano nel parametro della scala di equivalenza.
Fatti salvi gravi e documentati motivi di salute, la continuità della residenza si intende interrotta nella ipotesi di assenza dal territorio italiano per un periodo pari o superiore a due mesi continuativi o nell’ipotesi di assenza dal territorio italiano per un periodo pari o superiore a quattro mesi anche non continuativi nell’arco di diciotto mesi.
REQUISITI ECONOMICI
Il richiedente deve rispettare i seguenti requisiti economici:
un valore dell’ISEE, in corso di validità, non superiore a 9.360 euro;
un reddito familiare inferiore a 6.000[1] euro annui moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza[2];
un valore del patrimonio immobiliare, come definito ai fini ISEE, non superiore a 30.000 euro. È esclusa la casa abitazione entro un valore ai fini IMU massimo di 150.000 euro;
un valore del patrimonio mobiliare, come definito ai fini ISEE, non superiore alla soglia di 6.000 euro;
la soglia è accresciuta di 2.000 euro per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino a un massimo di 10.000 euro, incrementato di ulteriori 1.000 euro per ogni minorenne successivo al secondo. I massimali devono essere ulteriormente aumentati di 5.000 euro per ogni componente in condizione di disabilità e di 7.500 euro per ogni componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza;
nessun componente il nucleo familiare deve essere, inoltre, intestatario/avere piena disponibilità di autoveicoli di cilindrata superiore a 1600 cc. o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc., immatricolati la prima volta nei 36 mesi antecedenti la richiesta. Analogamente nessun componente deve essere intestatario/avere piena disponibilità di navi e imbarcazioni da diporto, nonché aeromobili di ogni genere;
i redditi e i beni patrimoniali eventualmente non compresi nell’ISEE devono essere dichiarati all’atto della domanda del beneficio e valutati a tal fine.

 

Debora Della Malva, del Patronato Acli di Milano ai microfoni di Radio Marconi spiega i requisiti  e le modalità di presentazione della domanda di assegno di Inclusione