Due nuove tipologie di riscatto contributivo

Due nuove tipologie di riscatto contributivo email stampa

Gli operatori del Patronato ACLI sono a completa disposizione per una consulenza su misura e per darti tutte le informazioni e il supporto necessari per l’invio della domanda.

375
0
SHARE

Il Decreto legge su “Quota 100 e Reddito di cittadinanza” ha introdotto due nuove possibilità di riscatto dei contributi per i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato, e per gli autonomi e parasubordinati.

La prima tipologia di riscatto, rivolta esclusivamente ai lavoratori privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 e non titolari di pensione, prevede la facoltà di riscattare i periodi non coperti da contribuzione e non soggetti ad alcun obbligo contributivo.
I periodi ammessi a riscatto devono collocarsi prima del 29 gennaio 2019, data di entrata in vigore del DL 4/2019, e devono obbligatoriamente essere compresi nel periodo che intercorre tra l’anno del primo e quello dell’ultimo contributo, accreditato a qualunque titolo nelle forme assicurative interessate.
Il riscatto può riferirsi ad un periodo massimo di cinque anni, anche non continuativi.
Questa nuova facoltà di riscatto è prevista in via sperimentale per il triennio 2019/2021, e la relativa domanda può essere presentata non solo dal lavoratore interessato o dai suoi superstiti, ma anche dai suoi parenti ed affini entro il secondo grado.
I periodi riscattati saranno validi sia ai fini del diritto della pensione che per la sua misura.

Leggi tutto

Gli Operatori del Patronato ACLI sono a completa disposizione per una consulenza su misura e per darti tutte le informazioni e il supporto necessari per l’invio della domanda. Trova la sede a te più vicina o Prenota il tuo appuntamento.