Emergenza Ucraina – Permessi di soggiorno per protezione temporanea: proroga validità al...

Emergenza Ucraina – Permessi di soggiorno per protezione temporanea: proroga validità al 31 dicembre 2024 email stampa

440
0
SHARE

Con la legge di bilancio 2024 (legge n. 213/2023) entrata in vigore il 1° gennaio 2024 e pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 30 dicembre scorso, sono state prorogate alcune misure in favore della popolazione ucraina accolta in Italia a seguito del conflitto. Si tratta della proroga dello stato di emergenza (art. 1 co. 390) e di misure relative all’accoglienza e all’assistenza, nonché sulla validità del titolo di soggiorno per protezione temporanea rilasciato alle persone provenienti dall’Ucraina.
I permessi di soggiorno che riportano come data di scadenza il 4 marzo 2023 già rilasciati ai beneficiari di protezione temporanea e validi fino al 31 dicembre 2023,conservano la loro validità fino al 31 dicembre 2024 (art. 1 comma 395). Il permesso di soggiorno perde efficacia ed è revocato, anche prima di tale scadenza, nel caso in cui il Consiglio dell’Unione europea dovesse adottare la decisione di far cessare la protezione temporanea.
Un’importante novità riguarda quanto disposto dall’art. 1 co. 396 sulla possibilità di convertire tali titoli di soggiorno in permessi per lavoro. La conversione avviene dietro domanda dell’interessato alla questura competente ed in presenza dei requisiti, nonché a fronte del versamento del contributo stabilito dall’art.5 comma 2-ter del D. lgs n. 286/1998 (contributo pari a 40-50 euro a seconda della durata del permesso di uno o due anni, connessa alla durata del rapporto di lavoro). In merito alla procedura di conversione si attendono eventuali indicazioni ministeriali o delle questure territorialmente competenti.
È bene precisare che permangono, in capo al titolare di questa tipologia di permesso, tutti i diritti connessi definiti dal DPCM del 28 marzo 2022, relativi – ad esempio – all’assistenza sanitaria (e quindi all’iscrizione al SSN) o all’accesso al mercato del lavoro e allo studio.