Il Cpr di Via Corelli deve essere chiuso: dignità e diritti per...

Il Cpr di Via Corelli deve essere chiuso: dignità e diritti per le persone trattenute email stampa

Una rete di realtà della società civile milanese lancia un appello alle istituzioni e chiede dignità e diritti per le persone trattenute nel centro di permanenza per il rimpatrio

214
0
SHARE

Chiudere i CPR a partire da quello di via Corelli a Milano, è  l’appello lanciato da una rete di oltre 20 realtà della società civile milanese, che chiedono la chiusura dei centri di permanenza per il rimpatrio e sollecitano nel contempo le istituzioni, a partire da Prefettura, Questura e Comune di Milano, ad adoperarsi nell’immediato per garantire dignità e diritti alle persone trattenute,

L’appello è firmato da:
Per Comitato Milanese Io Accolgo: Acli Milano – Arci Milano –  Asgi Lombardia – Associazione Arcobaleno – Ass. cult. Villa Pallavicini – Associazione Enzo Tortora Radicali Milano – Avvocati per niente – CGIL Milano – CIAI – Cisl Milano Metropoli – CNCA Lombardia – Comunità di Sant’Egidio Milano – Fondazione Casa della carità “A. Abriani” – Fondazione Franco Verga – La Cordata – ResQ People Saving People – Samia, insieme per l’uguaglianza – UIL Milano e Lombardia.

 Antigone Lombardia – Agenzia stampa Pressenza – Cambio Passo APS Onlus – CGIL Lombardia – Laudato sì, un’alleanza per il clima, la Terra e la giustizia sociale – Naga Odv – Osservatorio Solidarietà – Rete mai più Lager No cpr

Scarica e leggi l’appello (PDF)